030 3533902

QUANDO IL CER 150110* VA TRASPORTATO IN ADR?

L’ADR 2015 disciplina il trasporto di imballaggi contaminati da sostanze pericolose (150110*), quindi tutti i contenitori (sia piccoli come taniche, fusti, sacchi, barattoli, ecc. che di grandi dimensioni come cisternette, big bags, ecc.) che sono vuoti, ma non ripuliti, ovvero che sono stati svuotati in modo che siano presenti residui aderenti alle pareti.

Questo si applica solamente agli imballaggi contaminati da sostanze rientranti nelle seguenti classi ADR: 3, 4.1, 5.1, 6.1, 8 o 9; tali imballaggi possono essere classificati, secondo Accordo ADR, come segue:

  • codice UN 3509,
  • classe 9,
  • numero di identificazione del pericolo 90
  • categoria di trasporto 4
  • codice di restrizione al passaggio in galleria E

Vengono quindi tutti codificati con numero ONU 3509 – IMBALLAGGI, SCARTATI, VUOTI, NON RIPULITI; un esempio della dicitura da riportare sul formulario sarà: UN 3509 IMBALLAGGI, DI SCARTO, VUOTI, NON RIPULITI (CON RESIDUI DI …qui vanno riportate la o le classi corrispondenti ai residui contaminanti, ad esempio, nel caso del trasporto di imballaggi contaminati da sostanze della classe 3 e che sono imballati con  imballaggi contaminati da sostanze della classe 4.1, sul documento di trasporto si dovrà indicare UN 3509 IMBALLAGGI, SCARTATI, VUOTI, NON RIPULITI (CON RESIDUI DI 3,4.1)

Inoltre nel formulario alla voce annotazioni si deve aggiungere la dicitura:

TRASPORTO IN CONFORMITÀ ALLE DISPOSIZIONI DELLA SEZIONE 1.5.1 (M268)

Nello specifico l’ADR si applica solamente a imballaggi che abbiano contenuto le seguenti merci pericolose:

materie della classe 3 –  materie liquide infiammabili (ma non è applicabile alle materie del gruppo di imballaggio I, alle materie che hanno il codice “0” nella colonna (7a) della lista delle merci pericolose e alle materie esplosive desensibilizzate)

materie della classe 4.1 – solidi infiammabili, materie autoreattive ad esplosivi solidi desensibilizzanti (ma non è applicabile alle alle materie del gruppo di imballaggio I, alle materie che hanno il codice “0” nella colonna (7a) della lista delle merci pericolose, alle materie esplosive desensibilizzate, alle materie autoreattive)

materie della classe 5.1 – materie comburenti (ma non è applicabile alle materie del gruppo di imballaggio I, alle materie che hanno il codice “0” nella colonna (7a) della lista delle merci pericolose)

materie della classe 6.1 – materie tossiche (ma non è applicabile alle materie del gruppo di imballaggio I, alle materie che hanno il codice “0” nella colonna (7a) della lista delle merci pericolose)

materie della classe 8  – materie corrosive (ma non è applicabile alle materie del gruppo di imballaggio I, alle materie che hanno il codice “0” nella colonna (7a) della lista delle merci pericolose)

materie della classe 9 – materie e oggetti pericolosi diversi (ma non è applicabile alle materie che hanno il codice “0” nella colonna (7a) della lista delle merci pericolose, all’amianto (UN 2212 e UN 2590), ai policlorodifenili (UN 2315 e UN 3432), ai difenili polialogenati o terfenili polialogenati (UN 3151 e UN 3152).